Mecarun – España y Portugal

CATEGORIE

PIÙ VISTI

Pagamento sicuro

RAPIDITÀ

Alla consegna del suo ordine

SERVIZIO CLIENTI

Potete consultarci:
643 826 2070 - 642 062 401

PAGAMENTO SICURO

Pagamento sicuro, protezione garantita per il suo acquisto

FABRIQUE EN FRANCE

I prodotti Mecarun sono progettati per:

Migliorare la combustione nei veicoli a benzina e diesel

Pulire il motore, gli iniettori, la valvola EGR e il filtro antiparticolato.

Maggiori informazioni, consigli e guida pratica sul sito web www.mecarun.es

Offerta delgiorno

PRECAUZIONI CON ADDITIVI

Méca-Run C 99 e P18: prodotti conformi alle nuove linee guida europee sul trattamento dei rifiuti Linee guida europee per il trattamento dei rifiuti

Combustibili speciali:
Trattamento della benzina da competizione

– malattie della pelle e delle mucose
– intossicazioni acute
– malattie neurologiche, muscolari e psichiatriche.
. Le malattie sono causate da:

 

Glicoli e loro eteri:

 

– malattie della pelle e delle mucose
– intossicazioni acute
– malattie neurologiche, muscolari e psichiatriche – malformazioni congenite.
– cancri.

Idrocarburi aliciclici, eterociclici, alifatici e aromatici:

Cloruro di metilene (= diclorometano):

Percloroetilene:

Tricloroetilene:

Toluene:

White-spirit :

Xileni :

L'OPERATORE INALA I VAPORI DEL SOLVENTE.

Conseguenza: malattie professionali. Leggi “Processo di attacco dei solventi nell’uomo” e “Effetti sulla salute”.


L’operatore non è indifeso dai fenomeni di accensione derivanti da una sigaretta accesa, una smerigliatrice o una saldatrice, o anche da un corto circuito nel caso di fonti di pulizia elettriche.

I solventi evaporano continuamente:

Impatto sull’uomo e sull’ambiente.

Ci sono due tipi principali di processo di attacco:

- Par contacts dermiques.

I solventi sono, per definizione, eccellenti sgrassatori che attaccano e attraversano il tessuto lipocutaneo. Una volta attraverso questa barriera protettiva dell’organismo, il solvente entra nella via reale (il flusso sanguigno) per diffondersi in tutto il corpo.

- Per inalazione.

se i solventi sono inalati, entrano nei polmoni e passano direttamente nel sangue (parte rossa = parte ossigenata). Poi passano al cuore, che li trasporta direttamente al cervello e ad altri visceri.

Conseguenze sulla salute degli utenti

Se non hanno tutti le stesse caratteristiche di pericolosità, non è corretto pensare che qualsiasi solvente (tranne l’acqua) sia sicuro per un utente, così come non è corretto pensare che un solvente non sia almeno dannoso. Per misurare la sua capacità di “nuocere”, è stato stabilito l’ELV (valore limite di esposizione), tra gli altri. Questi E.L.V. sono espressi in “ppm” (parti per milione). Esempio: il valore limite di esposizione per il tricloroetilene è 200 ppm, cioè 1080 mg / m3. Il SEL (valore medio di esposizione) è 75 ppm o 405 mg / m3. VME = SLE per 5 giorni, 8h / giorno. Per misurare la sua capacità di “nuocere”, è stato stabilito, tra gli altri, l’ELV (valore limite di esposizione).


Questi E.L.V. sono espressi in “ppm” (parti per milione). Esempio: il valore limite di esposizione per il tricloroetilene è 200 ppm, cioè 1080 mg / m3. Il SEL (valore medio di esposizione) è 75 ppm o 405 mg / m3. SMV = SLE per 5 giorni, 8h / giorno.


Per esempio:

2. La salute degli utenti.

Va notato che, in molti casi, i servizi di manutenzione sono forniti con solventi contenenti idrocarburi alifatici, o spesso contenenti aromatici. E si dovrebbe sapere che questi idrocarburi contengono spesso benzene, a livelli ben al di sopra del limite di esposizione accettato.


Queste conclusioni possono essere tratte dalle conseguenze dell’uso di questi prodotti. A riprova di ciò, tutte le stazioni di servizio dovrebbero presto essere dotate di nuovi dispositivi che impediscono l’inalazione di vapori di benzina contenenti benzene mentre l’automobilista fa rifornimento.

3. La sicurezza degli utenti

Ad eccezione dei solventi clorurati come il tricloroetano, il cloruro di metilene, il percloroetilene e il tricloroetilene, che sono noti per non essere infiammabili, tutti i solventi sono infiammabili o addirittura altamente infiammabili o esplosivi. Questa infiammabilità varia a seconda del punto di infiammabilità di ogni solvente.


La temperatura del punto di infiammabilità è definita come la temperatura alla quale i vapori del solvente si infiammano a contatto con una fiamma o una scintilla. Tuttavia, nelle aziende, non mancano le fonti di fiamme e/o scintille. (torcia, saldatrice, smerigliatrice…).


L’effetto torcia è il caso peggiore per eccellenza. Non si tratta più solo di fiamme, ma di dare fuoco a un tessuto e in particolare all’abbigliamento di chi lo indossa. Infatti, se sono stati spruzzati di solvente durante le operazioni di pulizia e c’è contatto con una semplice scintilla, prendono fuoco.

Conseguenze sull'ambiente.

I solventi hanno effetti negativi sull’ambiente: formazione di buchi nell’ozono, effetto serra e piogge acide. Questi fenomeni sono dovuti al fatto che i solventi sono O.V.C. (composti organo-volatili). (composti organici volatili). La volatilità è naturalmente esercitata quando il solvente è usato, ma anche continuamente; l’uso non è una condizione necessaria in questo caso.


Dei quasi 20 milioni di tonnellate di solventi usati ogni anno in tutto il mondo, circa tre quarti possono essere considerati scomparire attraverso l’evaporazione.

Un catalizzatore è una sostanza che aumenta la velocità di una reazione chimica. Il C 99 partecipa alla reazione ma scompare durante la combustione. Non fa quindi parte dei reagenti (combustibile – ossidante) o dei prodotti dell’equazione.

Procedura di attacco contro l'uomo - prevenzione

Il solvente è una sostanza, di solito un liquido, in cui si possono sciogliere altre sostanze. (Sinonimo di solvente).


Più precisamente, i solventi sono utilizzati per pulire o rimuovere, per esempio: oli (interi, evaporabili, siliconici, solubili, vegetali), grassi (calcinati, minerali, sintetici, vegetali), inchiostri, vernici, pitture, colle, catrame, grafite, cere, gomme, polistirolo, stirene, prodotti di protezione temporanea, resine, lucidi …


Principali solventi utilizzati, come lo sgrassatore nelle operazioni di pulizia.

Idrocarburi (benzina).

Si distingue tra aromatici policiclici, alifatici, aliciclici e isoparaffinici.

Eteri di glicole.

Le catene di metile, butile, etile, butile, propile sono chiaramente distinguibili.

Prodotti clorurati.

In particolare, si distinguono il tricloroetano, il cloruro di metilene (diclorometano), il percloroetilene e il tricloroetilene.

Varie.

Xilene, toluene, acetone, alcoli, formulazioni (solventi composti da diversi tipi di solventi).

Processi attuali per il trattamento dei solventi.

I processi di pulizia con sgrassatura manuale non sono cambiati molto negli ultimi decenni. Cosa troviamo oggi: ciotole, scatole di latta, scatole di biscotti. In brevi contenitori.


In questi contenitori, l’utente versa il suo solvente, pulisce i suoi pezzi all’interno e poi li raccoglie e li spazzola per la maggior parte del tempo. 


Ci sono anche fontane di pulizia pneumatiche o elettriche. Queste fonti sono, infatti, contenitori più grandi montati direttamente sul barile di solvente o sul fusto. Il processo di pulizia è esattamente lo stesso delle ciotole e dei barattoli.


Conseguenze degli attuali processi in uso.

Le mani dell'operatore sono in contatto con i solventi.

Conseguenze: malattie professionali. Leggi “Processo di attacco del solvente all’uomo”.

Ci sono due tipi importanti di processo di attacco solvente contro l’uomo”:

Los disolventes son, por definición, excelentes desengrasantes, atacan y atraviesan el tejido lipocutáneo. Al cruzar esta barrera de protección de nuestro organismo, es para el solvente el camino real (el canal sanguíneo) con difusión en todo el cuerpo..

Se i solventi sono inalati, entrano nei polmoni e passano direttamente nel sangue (parte rossa = parte ossigenata). Passano poi al cuore, che li trasporta direttamente al cervello e ad altri visceri, con le sue conseguenze sulla salute.

I. La salute degli utenti.

Se non hanno tutti le stesse caratteristiche di pericolosità, non è corretto pensare che qualsiasi solvente (tranne l’acqua) sia sicuro per un utente, così come non è corretto pensare che un solvente non sia almeno dannoso.


Per misurare la sua capacità di “nuocere”, è stato stabilito l’E.L.V. (valore limite di esposizione), tra gli altri.
(valore limite di esposizione) è stato stabilito. Questi E.L.V. sono espressi in “ppm” (parti per milione). Esempio: il valore limite di esposizione per il tricloroetilene è 200 ppm, cioè 1080 mg / m3. Il SEL (valore medio di esposizione) è 75 ppm o 405 mg / m3. VME = SLE per 5 giorni, 8h / giorno Le malattie derivanti dall’esposizione ai solventi sono molto diverse.


Possiamo citare:

La salute degli utenti.

Va notato che in molti casi, i servizi di manutenzione sono forniti in solventi contenenti idrocarburi alifatici, o che spesso li contengono, aromatici…. E bisogna sapere che questi idrocarburi hanno spesso un contenuto di benzene ben al di sopra del limite di esposizione accettato e ammissibile.

 

Si possono trarre conclusioni dalle conseguenze dell’uso di questi prodotti. A conferma di ciò, tutte le stazioni di servizio dovrebbero presto essere dotate di nuove armi per impedire l’inalazione di vapori di benzina contenenti benzene durante il rifornimento.

 

Ad eccezione dei solventi clorurati come il tricloroetano, il cloruro di metilene, il percloroetilene e il tricloroetilene, che sono noti per essere non infiammabili, va notato che tutti i solventi sono infiammabili, anche altamente infiammabili o esplosivi.


Questa infiammabilità varia a seconda della temperatura del punto di infiammabilità di tutti i solventi.


Definizione di temperatura di infiammabilità: è la temperatura alla quale i vapori del solvente si infiammano a contatto con una fiamma o una scintilla.


L’effetto fiamma ossidrica è lo scenario peggiore per eccellenza. Non si tratta solo di fiamme, ma anche di incendiare un tessuto, in particolare l’abbigliamento di chi lo indossa. Infatti, se sono stati spruzzati di solvente durante le operazioni di pulizia e c’è contatto con una semplice scintilla, prendono fuoco.
L’operatore non è protetto dal contatto visivo.


Frequenza: leggere “La salute degli utenti – patologia dell’occhio e della vista”.

MALATTIE PROFESSIONALI.

Effettuato da:

Elenco dei solventi usati frequentemente

Alcoli:

Benzene:

Acetone:

Essenza di trementina: